In questa sezione si accede alle informazioni sulle Quadriennali d'arte, dalla prima del 1931 alla quindicesima del 2008. La scheda di ciascuna mostra rinvia anche agli artisti partecipanti e ai materiali documentari conservati nel nostro Archivio Biblioteca. Il primo campo consente una ricerca libera. In alternativa si può selezionare una mostra dall'elenco.


titolo
  • III Quadriennale d'Arte Nazionale
sede
  • Roma, Palazzo delle Esposizioni
data
  • 5 febbraio - 22 luglio 1939
 
organi e commissioni
  • Presidente: Enrico di San Martino Valperga

    Segretario generale: Cipriano Efisio Oppo

    Consiglio di amministrazione: presidente, segretario generale, Orazio Amato, Domenico Bologna, Erasmo Caravale, Franco Ciarlantini, Andrea Geisser Celesia di Vegliasco, Stefano Gentiloni Silveri, Giulio Quirino Giglioli.

    Amministratore: Luigi Fioravanti

    Giunta esecutiva: presidente, segretario generale, Stefano Gentiloni Silveri.

    Commissione per gli inviti: Enrico di San Martino Valperga, Presidente; Orazio Amato, Felice Carena, Arturo Dazzi, Ferruccio Ferrazzi, Marino Marini, Cipriano Efisio Oppo.

    Giuria nominata dal Consiglio: Domenico Bologna, Fausto Pirandello, Giovanni Prini, Carlo Rivalta, Gino Severini.

    Giuria eletta dagli artisti: Antonio Barrera, Giovanni Brancaccio, Venanzo Crocetti, Michele Guerrisi, Anton Giuseppe Santagata.

    Presidente delle due Giurie Cipriano Efisio Oppo.

    Giuria per l’assegnazione dei premi: Enrico di San Martino Valperga, Presidente; Felice Carena, Ferruccio Ferrazzi, Antonio Muñoz, Cipriano Efisio Oppo, Romano Romanelli, Edoardo Rubino.
descrizione
  • La rassegna, che comprende 2000 opere di circa 700 artisti, risulta inferiore alle precedenti edizioni. Lo stesso Oppo ammette che gli inviti sono stati forse troppo numerosi. La mostra tende a essere celebrativa e risulta meno tempestiva nel documentare le novità. Questa edizione della Quadriennale risente molto del clima politico dell’epoca e in particolare dell’emanazione delle leggi razziali. A tutti gli artisti partecipanti viene inviata una scheda di accertamento della razza. Gli esclusi comprendono artisti affermati come Corrado Cagli e Roberto Melli. Bellissima la personale di Morandi, con 53 opere. L’artista bolognese vince il secondo premio per la pittura, non senza polemiche. Contro di lui si scaglia il gruppo che fa capo al gerarca fascista Farinacci. Nella Rotonda, trasformata dagli architetti Mario Paniconi e Giulio Pediconi, sono esposte le sculture di Domenico Rambelli, ispirate al tema della guerra.
    Numerose le vendite, soprattutto quelle alle istituzioni pubbliche, tra le quali il gruppo più cospicuo è rappresentato dalle 113 opere acquistate dal Governatorato per la Galleria d’Arte Moderna. Rambelli vince il primo premio per la scultura e Bruno Saetti quello per la pittura.

    Mostre personali di: Amerigo Bartoli, Ugo Bernasconi, Alfredo Biagini, Mario Broglio, Alberto Caligiani, Giuseppe Capogrossi, Giuseppe Casciaro, Achille Funi, Franco Gentilini, Manlio Giarrizzo, Edoardo Gordigiani, Romeo Gregori, Italo Griselli, Giacomo Manzù, Quinto Martini, Francesco Messina, Giorgio Morandi, Fausto Pirandello, Enrico Prampolini, Domenico Rambelli, Mino Rosi, Bruno Saetti, Alberto Salietti, Pio Semeghini.

    Mostre collettive: Mostra futurista di aeropittori e aeroscultori.


catalogo
  • III Quadriennale d'Arte Nazionale. Catalogo generale, Editoriale Domus, Roma, 1939, pp. 300, tavv. CIV
documenti collegati
artisti partecipanti