La ricerca permette di accedere alle informazioni sulle mostre promosse dall’Istituzione oltre alle Quadriennali d’arte. Si tratta di un centinaio di esposizioni che si sono svolte in Italia e all’estero a partire dagli anni Cinquanta. La scheda di ciascuna mostra rinvia anche agli artisti partecipanti e ai materiali documentari conservati nel nostro Archivio Biblioteca. Il primo campo consente una ricerca libera. In alternativa si può selezionare una mostra dall’elenco.

titolo
  • Omaggio a Dante degli artisti italiani d'oggi
sede
  • Helsinki, Sala Esposizioni della ditta Elanto
data
  • 20-29 ottobre 1960
organi e commissioni
  • Comitato d'organizzazione:
    Aldo Patocchi, Adriano Soldini, Mario Agliati, Piero Bianconi, Virgilio Gilardoni, Giorgio Orelli, Vincenzo Snider, Adriana Ramelli, Carla Ferrari Moroni Stampa, Renato Freschi, Paolo Soldati, Maria Pia Lo Savio, Giuseppe Martinola, Pino Bernasconi, Giovanni Molteni, Giacomo Alberti.
descrizione
  • La mostra delle tavole dantesche, allestita per la prima volta all'interno dell'VIII Quadriennale e arricchita di nuove presenze, inizia ad Helsinki il suo tour all'estero. Il ciclo espositivo oltre confine è organizzato dalla stessa Quadriennale su incarico dei ministeri italiani degli Affari esteri e della Pubblica istruzione sempre in collaborazione con la Società Dante Alighieri.
catalogo
  • Ferruccio Ulivi (testo di) , Omaggio a Dante degli artisti italiani d'oggi - Museum voor Shone kunsten, Gent, 4 mei-3 juni 1962, Istituto grafico tiberino, Roma, 1962, Catalogo della mostra itinerante tenutasi a Gand, presso il Museo di belle arti, dal 4 maggio al 3 giugno 1962. E' conservato nel vol. 3 della Rassegna stampa. (1)
note
  • La mostra si terrà successivamente a Tampere, presso il Museo d'arte, dal 2 al 9 novembre 1960; a Stoccolma, nei locali della Konstnarshuset, dal 26 novembre al 18 dicembre; ad Oslo, presso la Kunstforening, dall'8 al 22 gennaio 1961; a Copenhagen, nella sede della Galleria Hibler, dal 7 al 19 febbraio; a Bergen, presso la Bergens Kunstforening, dal 25 febbraio; a Leida, nel Museo "De Lakenhal", dal 14 aprile al 12 maggio; a Varsavia, presso il Museo Mickiewicz, dal 6 giugno al 1° luglio; a Cracovia, nella sede dell'Associazione Amici dell'arte, dal 16 luglio al 6 agosto; a Colonia, nei locali dell'Istituto italiano di cultura, dal 7 dicembre 1961 al 22 gennaio 1962; a Monaco di Baviera, presso il Kunstverein; ad Amburgo, nella Staats Universitatbibliothek, dal 31 marzo al 20 aprile; a Gand, nel Musée de beaux arts, dal 4 maggio al 3 giugno; a Losanna, nel Palais de Beaulieu, dal 13 al 28 giugno; a Bruxelles, presso il Museo d'Ixelles, dal 26 settembre al 9 ottobre; ad Anversa, nella sede dell'Institut national supérieur et Academie royale des beaux-arts, dal 20 al 30 ottobre; a Charleroi, nel Palais des beaux-arts, dal 9 al 25 novembre; ad Hasselt, nel Palais du Béguinage, dal 5 dicembre; a Tongres, nel Museo gallo-romano, dal 19 dicembre 1962 al 2 gennaio 1963; a Lugano, presso Villa Ciani, dal 26 gennaio al 17 febbraio; a Lussemburgo, presso il Museo Pescatore, dal 6 al 22 marzo 1963.