La ricerca consente di accedere alle informazioni su oltre 13.500 tra artisti, gruppi e movimenti attivi in Italia dagli inizi del Novecento fino ai nostri giorni. La banca dati, in continuo aggiornamento, comprende non solo gli artisti, circa 6000, che hanno preso parte alle esposizioni della Quadriennale, ma anche i nominativi di coloro che nel tempo hanno inviato all’Istituzione materiale documentario sulla prorpia attività. Per ogni artista, oltre a una sintetica scheda anagrafica, sono descritte la tipologia e la consistenza dei materiali documentari conservati nell’Archivio Biblioteca. Sono inoltre indicate le partecipazioni alle mostre realizzate dalla Quadriennale.

nome
  • Ermanno
cognome
  • Leinardi
 
luogo di nascita
  • PONTEDERA
data di nascita
  • 1933/06/08
luogo di morte
  • CALASETTA
data di morte
  • 2006/06/17
biografia
  • Diplomato presso l’Istituto nautico di Cagliari, inizia la sua ricerca pittorica da autodidatta negli anni Cinquanta. Nel 1960 dopo una visita alla Biennale di Venezia e la conoscenza delle nuove correnti dell’arte contemporanea approda all’astrattismo. L’ellisse, segno che caratterizza le sue opere, non è nato da un ready made, dall’aver preso una lettera dell’alfabeto o dalla geometria, bensì dalla ricerca espressiva che passa per la sperimentazione. Partecipa nel 1965 alla Quadriennale di Roma e l’anno successivo fonda con Casula, Ugo e Utzeri il Gruppo Transnazionale. Conosce Argan che lo presenta in alcune mostre e pubblicazioni. Si trasferisce a Roma nel 1968 e inizia a interessarsi alla grafica. Tiene la sua prima personale romana nel 1969 alla Galleria Il Segno. Inizia a collaborare dagli anni Settanta con gli stampatori Bulla, Grafiser, Romero, Lo Russo, Geiger. Nel 1973 espone alla Quadriennale, dove conosce Palma Bucarelli che acquista una sua opera per la Galleria Nazionale d’Arte Moderna. Tiene nel 1979 un’antologica alla Pinacoteca Civica di Macerata e lo stesso anno progetta il suo atelier in Sardegna a Calasetta. Negli anni Ottanta si intensifica la sua attività espositiva all’estero e dal 1991 al 1994 è docente di percezione visiva e composizione pittorica in Germania, all’Accademia di Treviri. Nel 1995 la Calcografia Nazionale espone e acquisisce 146 sue opere grafiche. Nel 2000 Leinardi è promotore del Museo Civico d’arte contemporanea di Calasetta, di cui diviene direttore artistico e al quale dona parte della sua collezione privata.