La ricerca consente di accedere alle informazioni su oltre 13.500 tra artisti, gruppi e movimenti attivi in Italia dagli inizi del Novecento fino ai nostri giorni. La banca dati, in continuo aggiornamento, comprende non solo gli artisti, circa 6000, che hanno preso parte alle esposizioni della Quadriennale, ma anche i nominativi di coloro che nel tempo hanno inviato all'Istituzione materiale documentario sulla prorpia attività. Per ogni artista, oltre a una sintetica scheda anagrafica, sono descritte la tipologia e la consistenza dei materiali documentari conservati nell'Archivio Biblioteca. Sono inoltre indicate le partecipazioni alle mostre realizzate dalla Quadriennale.

nome
  • Rocco
cognome
  • Genovese
 
luogo di nascita
  • TRAPANI
data di nascita
  • 1925/09/04
luogo di morte
  • ROMA
data di morte
  • 1981/05/22
biografia
  • Da Trapani si trasferisce a Roma per frequentare la facoltà di Architettura. Aderisce nel 1951 al Gruppo Origine, conosce Alberto Burri e successivamente stringe amicizia con Edgardo Mannucci e con Ettore Colla. Nel 1958 affianca lo stesso Colla alla direzione della rivista “Artivisive”, curandone il numero conclusivo. Espone le sue prime sculture nel 1966 in una personale alla Galleria Trevi con la presentazione in catalogo di Corrado Maltese, nello stesso anno tiene una seconda mostra personale alla Galleria Il Bilico. Prende parte, tra gli anni Sessanta e Settanta, a rassegne d’arte nazionali: il Premio Termoli del 1966, la Quadriennale di Roma del 1973 e la mostra "Volterra ’73", dove presenta nell’acropoli etrusca grandi sculture che interagiscono con l’ambiente. Proprio negli anni Settanta i suoi lavori assumono un nuovo linguaggio fatto di sinuosità organiche ed esomorfe. Si trasferisce a Lavinio nella casa da lui progettata in collaborazione con il padre, ingegnere, e con l’amico architetto Alfio Castello. Inizia nel nuovo studio una larga produzione di opere e pubblica nel 1974 la sua prima monografia curata da Emilio Villa ed Enrico Crispolti.