La ricerca consente di accedere alle informazioni su oltre 13.500 tra artisti, gruppi e movimenti attivi in Italia dagli inizi del Novecento fino ai nostri giorni. La banca dati, in continuo aggiornamento, comprende non solo gli artisti, circa 6000, che hanno preso parte alle esposizioni della Quadriennale, ma anche i nominativi di coloro che nel tempo hanno inviato all’Istituzione materiale documentario sulla prorpia attività. Per ogni artista, oltre a una sintetica scheda anagrafica, sono descritte la tipologia e la consistenza dei materiali documentari conservati nell’Archivio Biblioteca. Sono inoltre indicate le partecipazioni alle mostre realizzate dalla Quadriennale.

nome
  • Massimo
cognome
  • Bartolini
 
luogo di nascita
  • CECINA
data di nascita
  • 1962/12/09
biografia
  • L’“immaginazione praticabile” è la cifra poetica sotto cui si può iscrivere l’opera di Bartolini. Alla formazione come geometra e presso l’Accademia di Belle Arti, l’autore affianca corsi di teatro e l’esercizio della musica. Queste attività lo conducono verso un orizzonte di lavoro che richiede per il suo completamento la presenza dello spettatore: quest’ultimo viene sollecitato dalle opere di Bartolini a livello sensoriale tramite immagini, luci, suoni e profumi, attraverso una pratica che percorre tutti i linguaggi espressivi. L’artista opera nello spazio, pubblico e privato, sia con alterazioni minime sia attraverso la costruzione di ambienti immersivi. Al centro della sua azione sono soprattutto alcuni elementi architettonici, come pavimento, porte e finestre. Questa attenzione per l’ambiente costruito dall’uomo si accompagna a quella nei confronti della natura – una presenza materiale e ideale ricorrente nel suo lavoro. Bartolini si fa mediatore nel dialogo fra spazio e spettatore, agendo a livello percettivo ed esperienziale in direzione di un cambiamento di coscienza.