Questa pagina consente una ricerca libera sugli archivi già inventariati, con il supporto di liste che, se necessario, possono facilitare l’interrogazione della banca dati. Gli archivi on line comprendono sia i fondi istituzionali, che si riferiscono alla storia e all’attività della Quadriennale, sia fondi personali acquisiti per donazione relativi ad artisti, galleristi, storici e critici d’arte. La struttura degli archivi è visualizzabile nella sezione "esplora fondi".


sei in: Fondo Antonello Trombadori/Attività culturale e storico-artistica/Mostre/"Per Antonello Trombadori. Scipione Macerata"/
soggetto produttore
livello gerarchico
  • Unità archivistica
segnatura
  • FAT.VI/1 b.2 u.8
titolo
  • "Per Antonello Trombadori. Scipione Macerata"
data
  • 1984-1988; con ritagli stampa dal 1940 al 1941
contenuto
  • Corrispondenza e materiale a stampa su Scipione in particolare sulla mostra “Scipione: 1904-1933” a cura di Giuseppe Appella, Maurizio Fagiolo dell’Arco, Valerio Rivosecchi e A. T., Macerata, Palazzo Ricci, 6 lug.-15 set. 1985. Contiene anche documentazione in copia sull’artista del 1940-1941 e corrispondenza di carattere riservato. Nel fascicolo sono presenti, in dettaglio, i seguenti materiali documentari: 1. Vanni Bramanti, “Scipione contro l’arte di regime”, «l’Unità», 1 set. 1984; 2. Fabrizio D’Amico, “Scipione inquietante e inquieto”, «La Repubblica», 15 set. 1984; 3. Arturo Carlo Quintavalle, “Realismi di ritorno”, in «Panorama», 3 feb. 1985; 4. Giancarlo Ossola, “Dall’informale italiano alla pittura a Roma tra barocco e tonalismo”, «l’Unità», 9 feb. 1985; 5. “Disegni di Scipione”, a cura di Giuseppe Appella, Roma, Accademia Nazionale di San Luca, 30 apr.-30 giu 1985, comunicato stampa; 6-8. “Scipione: 1904-1933”, Macerata, Palazzo Ricci, 6 lug.-15 set. 1985, comunicato stampa (5 giu. 1985), locandina e lettera del sindaco di Macerata, Carlo Cingolani (29 ott. 1985); 9-19. Raoul Maria De Angelis, “L’avventura di Scipione pittore romano”, Bonacci Editore, Roma, 1985, in allegato una fotografia, un pieghevole e otto cartoline; 20. Duccio Trombadori, “Quando l’arte a Roma faceva scuola” e Maurizio Fagiolo dell’Arco, “Tutto cominciò con il richiamo all’ordine“, in «Rinascita», 17 gen. 1987; 21. Everardo Dalla Noce, “Scipione: Quadri pochi, prezzi alti”, in «Arte», set. 1988; 22. Costanzo Costantini, “E Mazzacurati prese a botte Mafai” (s.d.); 23. Giovanni Testori, “In questi disegni il rombo dell’ Apocalisse“, «Corriere della Sera» (s.d.); 24. fotografia dell’opera di Scipione, “La Piovra”, 1929; 25-29. ritagli stampa (1940-1941).
consistenza
  • 1 fascicolo contenente 13 ritagli stampa, 2 comunicati stampa, 1 locandina, 3 lettere dattiloscritte, 1 biglietto manoscritto, 1 biglietto dattiloscritto in copia, 1 volume, 8 cartoline, 4 fotografie, 1 pieghevole, 2 manoscritti e 1 dattiloscritto