Questa pagina consente una ricerca libera sugli archivi già inventariati, con il supporto di liste che, se necessario, possono facilitare l’interrogazione della banca dati. Gli archivi on line comprendono sia i fondi istituzionali, che si riferiscono alla storia e all’attività della Quadriennale, sia fondi personali acquisiti per donazione relativi ad artisti, galleristi, storici e critici d’arte. La struttura degli archivi è visualizzabile nella sezione "esplora fondi".


sei in: Fondo Antonello Trombadori/Attività culturale e storico-artistica/Mostre/"1. Centro artistico del Pci (1944) 2. Arte contro la barbarie (I) 1944 3. Arte contro la barbarie (II) 1951"/
soggetto produttore
livello gerarchico
  • Unità archivistica
segnatura
  • FAT.VI/1 b.1 u.1
titolo
  • "1. Centro artistico del Pci (1944) 2. Arte contro la barbarie (I) 1944 3. Arte contro la barbarie (II) 1951"
data inizio
  • 1944
data fine
  • 1951
contenuto
  • Corrispondenza, ritagli stampa, inviti, comunicati inerenti: la mostra, organizzata dal quotidiano «l’Unità», “L’arte contro la barbarie. Artisti romani contro l’oppressione nazi-fascista”, Roma, Galleria di Roma, 23 ago-5 set. 1944; la “Libera Associazione Arti Figurative” e la seconda mostra “L’Arte contro la barbarie”, Roma, Galleria di Roma, 18 gen.-2 feb. 1951. Nel fascicolo sono presenti, in dettaglio, i seguenti materiali documentari: 1. lettera di Augusto Cafolla a (?) De Mada (Roma, 5 lug. 1944); 2. pieghevole della mostra “L’arte contro la barbarie” del 1944; 3-20. ritagli stampa sulla mostra del 1944, tra i quali due articoli di A. T.: “L’arte contro la barbarie”, «l’Unità », 24 ago. 1944 e “Arte contro la barbarie”, in «Rinascita», [1944], pp. 29-30; 21-24. comunicato stampa redatto in occasione della fondazione della Libera associazione arti figurative [1944?]; 25. minuta di lettera di Gino Severini con la richiesta di adesione alla Libera associazione arti figurative [1944?]; 26. ritaglio stampa da «La Nuova Europa», Roma, 26 giu. 1945; 27-28. “II mostra l’arte contro la barbarie” del 1951 (invito), con una presentazione di A. T.; 29. dattiloscritto, in inglese, di Peter Lindamood, “Letter from Rome”, (s.d.).
consistenza
  • 1 fascicolo contenente 1 lettera, 1 carta manoscritta, 22 ritagli stampa, 1 bozza di lettera, 1 pieghevole, 2 inviti e 1 dattiloscritto
note
  • Lingua: italiano e inglese