Questa pagina consente una ricerca libera sugli archivi già inventariati, con il supporto di liste che, se necessario, possono facilitare l'interrogazione della banca dati. Gli archivi on line comprendono sia i fondi istituzionali, che si riferiscono alla storia e all'attività della Quadriennale, sia fondi personali acquisiti per donazione relativi ad artisti, galleristi, storici e critici d'arte. La struttura degli archivi è visualizzabile nella sezione "esplora fondi".


sei in: Fondo Lorenza Trucchi/Articoli/Momento Sera/"Antes alla Biblioteca germanica; Gabos e Milshtein alla San Sebastianello; Cage all'Obelisco; Herel al Segno; Bartolini ai Volsci, Prampolini alla Godel; In biblioteca: 'Brunori' di Cesare Vivaldi"/
soggetto produttore
livello gerarchico
  • Documento
titolo
  • "Antes alla Biblioteca germanica; Gabos e Milshtein alla San Sebastianello; Cage all'Obelisco; Herel al Segno; Bartolini ai Volsci, Prampolini alla Godel; In biblioteca: 'Brunori' di Cesare Vivaldi"
data inizio
  • 1973/01/26
contenuto
  • Articolo pubblicato su "Momento Sera", 26 gennaio 1973. "Horst Antes espone alla Biblioteca germanica in una mostra organizzata in collaborazione dalla galleria Der Spiegel di Colonia e da Il Segno di Roma e ricca di una novantina tra olii e opere grafiche; La San Sebastianello seguita nelle sue personali abbinate presentando due giovani: la pittrice jugoslava Dina Gabos e l'incisore russo Zwi Milhstein; L'Obelisco presenta alcune litografie e otto 'plexigram' realizzati da Johm Cage in collaborazione con il designer Calvin Sumsion; Petr Herel, al Segno, è soprattutto un grafico, un accanito sperimentatore di tecniche incisorie; La retrospettiva di Bartolini ai Volsci comprende un folto gruppo di dipinti, perlopiù inediti, datati tra il 1914 e il 1962. Nella inesausta sperimentazione di Prampolini l'investigazione matematica ha sempre avuto un posto di preminenza e la selezione della Godel punta su questo aspetto extrapittorico; La editrice Michelangelo vara una nuova collana diretta da Guido Giuffré, intesa ad illustrare i nostri artisti più rappresentativi. Quanto mai indovinata dunque la scelta per questo primo volume, di Enzo Brunori".
tipologia documentaria
  • Rassegna stampa