Questa pagina consente una ricerca libera sugli archivi già inventariati, con il supporto di liste che, se necessario, possono facilitare l'interrogazione della banca dati. Gli archivi on line comprendono sia i fondi istituzionali, che si riferiscono alla storia e all'attività della Quadriennale, sia fondi personali acquisiti per donazione relativi ad artisti, galleristi, storici e critici d'arte. La struttura degli archivi è visualizzabile nella sezione "esplora fondi".


sei in: Fondo Lorenza Trucchi/Articoli/Momento Sera/"Una mostra di Batoni; Arte moderna in Italia 1915-1935; Retrospettiva di Martini a Treviso; La vita olandese del Seicento; Maestri europei alla Medusa; Barbaro alla Vetrata; Schifano alla Tartaruga; Avenali e Elisabetta Gut al Carpine"/
soggetto produttore
livello gerarchico
  • Documento
titolo
  • "Una mostra di Batoni; Arte moderna in Italia 1915-1935; Retrospettiva di Martini a Treviso; La vita olandese del Seicento; Maestri europei alla Medusa; Barbaro alla Vetrata; Schifano alla Tartaruga; Avenali e Elisabetta Gut al Carpine"
data inizio
  • 1967/02/11
contenuto
  • Articolo pubblicato su "Momento Sera", 11 febbraio 1967. "Si aprirà a Lucca una grande mostra su Pompeo Batoni; L'attesa mostra 'Arte moderna in Italia 1915-1935' è stata rimandata per i ben noti, tragici avvenimenti che si sono abbattuti su Firenze; Verrà allestita nella chiesa di Santa Caterina a Treviso una retrospettiva di Arturo Martini; 'La vita in Olanda nel XVII secolo' è il tema di un'importante esposizione aperta in questi giorni al Museo delle arti decorative di Parigi; Non capita spesso di vedere una così selezionata e varia raccolta di opere come quella presentata in questi giorni alla Medusa con il titolo 'Maestri europei'; Le opere che Saverio Barbaro espone alla Vetrata sono ispirati ai campi di concentramento nazisti; In queste sue opere recenti esposte alla Tartaruga Schifano dà prova di essere arrivato ad una originale assimilazione e rielaborazione intellettuale delle avanguardie da Matisse a jasper Johns; Avenali preferisce chiamare le sue recenti opere in ferro e vetro esposte per la prima volta al Carpine 'strutture' e non possiamo dargli torto, giacché più che di masse plastiche si tratta appunto di forme composte e strutturate nello spazio secondo un'impostazione architettonica; Elisabetta Gut è rimasta fedele a se stessa, alla sua nordica indole, sostanzialmente romantica, anche in queste recenti opere, esposte al Carpine, solo in apparenza tanto diverse dalle sue tenere immagini figurative".
tipologia documentaria
  • Rassegna stampa