Questa pagina consente una ricerca libera sugli archivi già inventariati, con il supporto di liste che, se necessario, possono facilitare l'interrogazione della banca dati. Gli archivi on line comprendono sia i fondi istituzionali, che si riferiscono alla storia e all'attività della Quadriennale, sia fondi personali acquisiti per donazione relativi ad artisti, galleristi, storici e critici d'arte. La struttura degli archivi è visualizzabile nella sezione "esplora fondi".


sei in: Fondo Lorenza Trucchi/Articoli/Momento Sera/"Tutta la pittura di Carrà; Artisti invitati alla rassegna internazionale 'Città di Carrara'; Sadun alla Medusa; Roccamonte al Ferro di Cavallo; Marchegiani all'Obelisco; Sarandrea alla Russo; Sei scultori napoletani alla 'Due Mondi'"/
soggetto produttore
livello gerarchico
  • Documento
titolo
  • "Tutta la pittura di Carrà; Artisti invitati alla rassegna internazionale 'Città di Carrara'; Sadun alla Medusa; Roccamonte al Ferro di Cavallo; Marchegiani all'Obelisco; Sarandrea alla Russo; Sei scultori napoletani alla 'Due Mondi'"
data inizio
  • 1967/06/23
contenuto
  • Articolo pubblicato su "Momento Sera", 23 giugno 1967. "Una importante iniziativa per la conoscenza e lo studio dell'opera e della personalità di Carlo Carrà è in corso a Milano a cura del figlio Massimo che in anni di ricerche ha raccolto e ordinato i documenti, le fotografie, le notizie, gli studi critici necessari per la compilazione di un catalogo generale di tutti i quadri dipinti da Carrà in settantacinque anni di lavoro; Sono ottanta gli artisti stranieri e italiani che esporranno alla V Rassegna internazionale di scultura Città di Carrara; Nelle opere recenti, esposte alla Medusa, Piero Sadun oscilla tra fluttuanti immagini di derivazione organica a larghe superfici a due colori, di grande purezza cromatica...; Ritroviamo nelle recenti sculture di Amelio Roccamonte, esposte al Ferro di Cavallo, la linea diritta, architettonica per eccellenza, di molta scultura cubista; Siamo di fronte ad un'altra svolta dell'arte, la più decisiva se non la più pericolosa. L'arte cinetica trasforma l'artista in un tecnico, in una specie di ingegnere o di perito elettronico. Tanto più lodevole dunque la presentazione di Maurizio Fagiolo per questa mostra di Elio Marchegiani all'Obelisco; Sarandrea, che debutta alla Galleria Russo, è un vero naif; I sei giovani scultori napoletani che espongono alla Due Mondi costituiscono una specie di scuola napoletana".
tipologia documentaria
  • Rassegna stampa