Questa pagina consente una ricerca libera sugli archivi già inventariati, con il supporto di liste che, se necessario, possono facilitare l'interrogazione della banca dati. Gli archivi on line comprendono sia i fondi istituzionali, che si riferiscono alla storia e all'attività della Quadriennale, sia fondi personali acquisiti per donazione relativi ad artisti, galleristi, storici e critici d'arte. La struttura degli archivi è visualizzabile nella sezione "esplora fondi".


sei in: Fondo Lorenza Trucchi/Articoli/Momento Sera/"I Boldini di Boldini all'Obelisco; Max Bill al Cortile; Pfeiffer alla Rizzoli; Tabusso alla Trinità; Purificato alla Barcaccia; Filo alla Rive Gauche; Darviche alla Schneider; Notiziario"/
soggetto produttore
livello gerarchico
  • Documento
titolo
  • "I Boldini di Boldini all'Obelisco; Max Bill al Cortile; Pfeiffer alla Rizzoli; Tabusso alla Trinità; Purificato alla Barcaccia; Filo alla Rive Gauche; Darviche alla Schneider; Notiziario"
data inizio
  • 1970/12/04
contenuto
  • Articolo pubblicato su "Momento Sera", 1 dicembre 1970. "Boldini, il 'supertestimone della belle époque' torna alla ribalta dal lungo limbo in cui la critica lo aveva relegato e abbandonato da più di mezzo secolo; Di Max Bill, pittore, scultore, architetto, teorico, la Galleria del Cortile diretta da Luce Monachesi ci offre una piccola personale: serigrafie e qualche dipinto dal '51 al '69; La Galleria Rizzoli presenta una serie di dipinti di piccolo formato di Hans Pfeiffer datati tra il '29 e il '32; Tabusso alla Trinità con una serie di dipinti ispirata a proverbi piemontesi; Purificato alla Barcaccia con un gruppo di opere che sintetizza un arco di lavoro di oltre trent'anni; Il montenegrino Branko Filipovic-Filo alla Rive Gauche con opere recenti; Il pittore argentino Jusef Darwiche ha allestito la sua prima personale italiana alla Schneider; Si è inaugurata a Modena la rassegna 'Arte e Critica '70' già definita 'conciliare' allineando artisti di diverse tendenze".
tipologia documentaria
  • Rassegna stampa
 
 
note
  • L'articolo su Boldini viene pubblicato nuovamente sul "Corriere della Sera", 3 gennaio 1971.