Questa pagina consente una ricerca libera sugli archivi già inventariati, con il supporto di liste che, se necessario, possono facilitare l'interrogazione della banca dati. Gli archivi on line comprendono sia i fondi istituzionali, che si riferiscono alla storia e all'attività della Quadriennale, sia fondi personali acquisiti per donazione relativi ad artisti, galleristi, storici e critici d'arte. La struttura degli archivi è visualizzabile nella sezione "esplora fondi".


sei in: Fondo Giovanni Carandente/Attività come storico e critico d’arte/Mostre, eventi e pubblicazioni su Alexander Calder/"Calder"/"Corrispondenza riguardante Calder"/
soggetto produttore
livello gerarchico
  • Sottounità archivistica
segnatura
  • FGC.2/8 b.28 u.2 sf.1
titolo
  • "Corrispondenza riguardante Calder"
data inizio
  • 1962/11/21
data fine
  • 1976/11/19
contenuto
  • Corrispondenza e materiale documentario su progetti espositivi ed editoriali inerenti Alexander Calder che vedono la partecipazione di G. Carandente tra gli anni Sessanta e gli anni Settanta. I documenti contenuti nel fascicolo riguardano, tra l’altro: la pubblicazione, promossa dalla rivista «Metro», "International directory of contemporary art 1964" (Metro, 1963); la prefazione di G. Carandente al catalogo della mostra di Calder tenutasi alla Galerie Krugier et Cie di Ginevra (9 giu.-30 lug. 1966); la mostra dell’artista, presentata da G. Carandente, tenutasi alla galleria Arco d'Alibert di Roma (21 apr.-28 mag. 1967) e quella alla Maison de Culture di Bourges (9 mar.-13 mag. 1968); i testi di G. Carandente per i volumi, promossi dell’Unesco: "Calder: mobiles and stabiles", collezione Mentor-UNESCO art book, (The New American Library, Unesco 1968) e "Calder: mobiles and stabiles", Collection Unesco de diapositives Peintures et Scuptures (Edition Rencontre, Unesco 1970); l'articolo di G. Carandente, "Un géant enfant", in «Derrière le miroir», n. 173, ott. 1968; l'opera di Calder "Le croissant Rouge" (1968); lo spettacolo di A. Calder, coordinato da G. Carandente, "Work in progress" messo in scena al Teatro dell'Opera di Roma nel 1968; la retrospettiva sull’artista organizzata dalla Fondation Maeght di Saint-Paul-de-Vence (2 apr.-31 mag. 1969).
consistenza
  • 113 documenti di cui 66 lettere, 20 minute di lettere, 5 ricevute, 4 telegrammi, 8 carte d’appunti, 3 dattiloscritti, 2 ritagli stampa, 1 biglietto da visita, 2 contratti, 2 dichiarazioni di esportazione
note
  • Lingua: italiano, francese e inglese.
stato di conservazione
  • Buono