Questa pagina consente una ricerca libera sugli archivi già inventariati, con il supporto di liste che, se necessario, possono facilitare l'interrogazione della banca dati. Gli archivi on line comprendono sia i fondi istituzionali, che si riferiscono alla storia e all'attività della Quadriennale, sia fondi personali acquisiti per donazione relativi ad artisti, galleristi, storici e critici d'arte. La struttura degli archivi è visualizzabile nella sezione "esplora fondi".


sei in: Fondo Lorenza Trucchi/Articoli/Momento Sera/"Disperse all'asta le collezioni di Helena Rubinstein; A Parigi nel 1966; A Torino cento opere di Menzio; A Bologna una retrospettiva di Licini; Bignardi all'Attico; Trubbiani alla Odyssia; Leddi alla Nuova Pesa"/
soggetto produttore
livello gerarchico
  • Documento
titolo
  • "Disperse all'asta le collezioni di Helena Rubinstein; A Parigi nel 1966; A Torino cento opere di Menzio; A Bologna una retrospettiva di Licini; Bignardi all'Attico; Trubbiani alla Odyssia; Leddi alla Nuova Pesa"
data inizio
  • 1966/01/30
contenuto
  • Articolo pubblicato su "Momento Sera", 30 gennaio 1966. "I tesori di Helena Rubinstein, morta l'anno scorso all'età di 94 anni, sono stati messi all'asta dai suoi numerosi eredi; Philippe e Pauline de Rothschild hanno installato negli edifici della loro tenuta un singolare museo del vino; Il primo calendario delle mostre che avranno luogo a Parigi nel corso dell'anno appare tra i più folti e variati; Alla Narciso di Torino si è aperta una mostra di Francesco Menzio, la più importante che il pittore abbia avuto dopo quella di Ivrea nel 1959 e quella di Biella nel 1964; Da luglio ad ottobre avrà luogo a Stoccolma una grande rassegna intitolata 'Cristina Regina di Svezia'; A Bologna la Galleria del Cancello ha allestito una retrospettiva di Osvaldo Licini; La personale di Umberto Bignardi all'Attico è un vero campionario di esperimenti, di trovate, di audaci 'variazioni sul tema'; Il giovane scultore Valeriano Trubbiani ha l'officina nel sangue. Le opere in acciaio che espone alla Odyssia, per questa sua prima personale romana, acutamente introdotta da Giuseppe Marchiori, testimoniano della sua profonda familiarità con gli oggetti meccanici di ogni tipo e tempo; Piero Leddi che espone alla Nuova Pesa, deve essere molto cambiato in questi ultimi mesi se Antonello Trombadori poteva scrivere nel marzo scorso, presentandolo a Firenze: 'Il pittore che sembra aver dato a Leddi i natali figurativi è Fernand Leger'".
tipologia documentaria
  • Rassegna stampa